Prima colazione

La forchetta dava una sensazione di incertezza, messa lì, sospesa a mezz’aria. Lo spicchio di pesca, infilato tra le punte di quell’attrezzo un po’ troppo lucente, sembrava un quarto di luna vestito di sole; sullo sfondo un seno maturo, pronto; pieno di calore e promesse di godimento. No, non erano solo quelli i dettagli: c’era il viso con le labbra socchiuse che creavano una leggera e piacevole increspatura sulle guance. C’erano gli occhi felini e invitanti – separati da un naso gentile – che osservavano desiderosi…Ma la forchetta e il seno s’irradiavano come un fuoco divampante aggredendogli l’anima spudoratamente; quelle forme gli esplodevano direttamente nella mente come schiaffi sonori. Non riusciva a distaccarsene. Cercò di apprezzarne l’insieme, valutando la qualità del quadro, anche se non gli sembrava un gran che come opera. Si rese conto che l’autore avrebbe voluto imprimere al dipinto una certa luce magica, ma che si era lasciato prendere la mano nell’intento di marcare troppo i particolari…

Il gallerista si avvicinò con discrezione «Le piace? S’intitola Prima Colazione; un’opera di un autore italiano ancora poco conosciuto, ma con grandi doti», disse con un cortese sorriso.

«Lo compro», rispose lui senza girare lo sguardo.

«Bene. Il quadro è una tecnica mista… »

«Lo compro», l’interruppe lui guardando sempre il quadro.

«Ma… sì, certo signore. Dove glielo mando?»

«Lo porto via subito», disse lui finalmente guardandolo, come se fosse appena uscito da una specie di trance.

Il quadro era abbastanza grande, ma non tanto da impedirgli il trasporto fino a casa. Infilò la chiave nella toppa, e per la milionesima volta si disse che doveva farla regolare quella cosa cigolosa e pesante. Scartò il quadro e lo tenne sospeso tra le mani osservandolo attentamente. Dietro c’era scritto il titolo, la tecnica e l’anno. Staccò un quadro dal muro e vi appese quello nuovo; si mise seduto e restò a fissarlo. Dopo un po’ spense le luci, si avvicinò al quadro, lo tolse dal muro e lo portò in camera da letto. Con molta cura s’infilò il pigiama, abbottonandolo premurosamente fin sotto il collo, e controllando che i bottoni combaciassero perfettamente con le asole; appoggiò il quadro delicatamente sul letto a fianco a lui, leccò lo spicchio di pesca e si addormentò con il braccio sul seno di lei.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *