porte a porte7

Anche stanotte ho riattraversato il lungo corridoio con il terrore di trovare chissà quale porta, da lontano una sagoma che mi faceva segno di avanzare … era Bruno Vespa!

Share This:

porte a porte6

Maledetto sogno, maledetto corridoio: questa notte gli ho lanciato un missile con testata nucleare… era una porta USB.

Share This:

porte a porte5

Ancora il sogno con il corridoio lungo, ma questa volta ero preparato: avevo con me due candelotti di dinamite, li ho fatti brillare e BUUM… era una porta antiatomica.

Share This:

porte a porte4

Anche stanotte la porta: armato di ascia, ho attraversato il lungo corridoio con l’intenzione di abbattere quella maledetta porta. Ho iniziato a menarle colpi d’ascia con tutte le mie forze fino a farmi saltare le braccia… era una porta blindata!

Share This:

porte a porte3

Stanotte di nuovo il sogno della porta, di nuovo il lungo corridoio, di nuovo la porta chiusa: prima l’ho spinta, poi l’ho tirata, infine l’ho fatta scorrere; ma uno strano e ripetitivo sbuffo mi ha allarmato… era una porta a soffietto

Share This:

porte a porte2

Ho rifatto il sogno della porta: ho riattraversato il lungo corridoio e giunto alla porta ho iniziato a tirare, tirare e tirare fino a puntare i piedi ai lati del montante. Non c’era nessun cartello… era una porta scorrevole!

Share This:

porte a porte1

Stanotte ho fatto un sogno: c’era un corridoio lunghissimo dove alla fine ho trovato una porta, ho cominciato a spingerla, spingerla e spingerla sempre di più, fin quasi a farmi scoppiare le arterie… sulla porta c’era un cartello con su scritto TIRARE!

Share This:

pensieri

Spesso navighiamo nei nostri pensieri soffrendo il mal di mare.

Share This:

lingua

Sono a cena su una barca di francesi, insieme a un olandese una coppia di svedesi e due tedeschi. Siamo tutti di nazionalità diverse, ma parliamo la stessa lingua: quella del mare.

Share This:

solidarietà

C’è una solidarietà per mare che se ci fosse sulla terraferma il mondo sarebbe un posto migliore.

Share This: