Tetto

Iniziò a raccogliere le  foglie di palma cadute e a farsi prima di tutto un riparo provvisorio resistente alla pioggia e al vento; sapeva che presto ne avrebbe avuto bisogno.

Share This:

Pinne

Raggiungerlo a nuoto non se la sentiva, perché c’erano circa trecento metri da coprire, inoltre quel blu profondo non gli dava fiducia. Infatti vide un paio di pinne che ci gironzolavano dentro.

Share This:

Isolotto

L’atollo era forma di D, completamente circondato da barriera corallina e senza neanche una passe; non era molto grande: sei sette chilometri.  Ma aveva una particolarità: un isolotto al centro ricoperto di verde.

Share This:

Rifocillato

Il giorno dopo, abbastanza rifocillato e un po’ meno stanco, si preoccupò di mettere in sicurezza la scialuppa, non potendo, da solo, tirarla in secco. Recuperò tutta la cima che aveva e la legò a un tronco di palma che si affacciava sul bagnasciuga, ma si ripromise di trovare il sistema di portarla in secco quanto prima.

Share This:

Duna

Iniziò a guardarsi intorno, costeggiò la spiaggia per un certo tratto  e, scorgendo una duna di sabbia, si diresse in quella direzione. Ma decise di fermarsi: si sentiva troppo debole.

Share This:

Cocco

Una grossa nuvola annaffiò la spiaggia di acqua fresca e dolce, e si dissetò a piene mani. Riuscì a mettersi in piedi e, barcollando, si avviò verso il fresco di un palmeto, là raccolse un cocco e lo sventrò, cibandosene e bevendone il latte avidamente.

Share This:

Verde

Si sentiva la bocca talmente arsa che la lingua sembrava cementata al palato sin dalla nascita. Gli occhi ‒ le cui palpebre saldate da uno spesso strato di sale ‒ li aprì con molta fatica: «Il verde.», disse. E perse di nuovo i sensi.

Share This:

Grembo

La risacca era una culla che lo dondolava lieve e  per ninna nanna sentiva uno sciacquio piacevole. Nel grembo di quella sensazione, si sentiva al sicuro come un feto nella placenta.

Share This:

Limbo

Sopravviveva in un limbo di debolezza nebbiosa, dove le palpebre erano delle saracinesche mal oleate e dove visioni inquietanti si erano radicate nell’inconscio; fosche, oscure, nebulose… e passò un’altra luna.

Share This:

Chauffeur

La burrasca lo tenne fagocitato per alcuni giorni, poi lo mollò. Successivamente la corrente lo prese con sé facendogli da chauffeur in un tour senza fine, tra onde di mare morto e groppi continui.

Share This: