Gabbianella

Le fronde sferzano l’aria, la pioggia batte rumorosa sul salice che tracima oltre il muro, qualche uccello non trova riparo, qualche altro si. Il mare è lontano,ma i gabbiani hanno invaso l’entroterra già da tempo, già da anni: troppi. Quella femmina minuta con l’amo nel becco l’ho riconosciuta subito. L’anno scorso fece il nido sopra il tetto di fronte. Strano vedere un gabbiano così magro, così ossuto che sembra quasi secco, di solito sono belli grassi, così pasciuti che ondeggiano sotto il loro stesso peso. Quella femmina minuta con l’amo nel becco non è grassa, non ondeggia sotto il suo peso, perché il suo grasso, la sua sostanza, l’ha spesa tutta per il suo ultimo pulcino.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *